STORIA

La “Compagnia di Pubblica Assistenza Croce Bianca” nasce a Piacenza nel novembre del 1906 e trova sede nei portici sotto il Palazzo Gotico, di fronte a Via Calzolai.
In breve tempo diviene un realtà profondamente radicata nella città tanto che – si legge in un documento dei primi anni ’10 – “… è considerato motivo di disonore per una famiglia piacentina non annoverare almeno un componente tra i Militi Volontari”.
Già dall’inizio della sua attività si distingue anche nel panorama nazionale per vitalità ed importanti iniziative. Tra il 1910 ed il 1920 nascono a Piacenza, grazie alla “SUA” Croce Bianca, esperienze assolutamente all’avanguardia:

- La Guardia Medica

- La distribuzione dei farmaci gratuiti ai poveri

- La colonna di pronto intervento per le calamità

Si opera all’inizio con la “ciclobarella” per i servizi in città e con la lettiga trainata dai cavalli per i viaggi fuori dall’abitato urbano.
Solo dopo qualche anno arrivano le “Lettighe a motore”: nel 1924 – con 38.000 abitanti a PC – la Croce Bianca dispone di 4 autolettighe!!!

LO SCIOGLIMENTO FORZATO

Nel 1929 viene sciolta come tutte le altre Pubbliche Assistenze soprattutto perché si trattava di associazioni libere, non inquadrate politicamente e, quindi, non gestibili dal regime: beni e le competenze vengono così trasferiti alla Croce Rossa Italiana.

LA RICOSTITUZIONE

Nel 1987 viene ricostituita e da allora l’attività ed i servizi sono andati crescendo alla pari con i bisogni dei cittadini.
Si caratterizza, di nuovo, per l’attenzione ai bisogni emergenti e per la capacità di innovazione. Ne sono testimonianza progetti significativi a livello nazionale:

- SEM (servizio emergenza medica) attivato nel 1990;

- SIRIO (Servizio ad alta tecnologia per la reperibilità immediata del personale medico) attivato nel 1989

- PIACENZA AMICA, il servizio di aiuto per gli anziani e le persone che vivono condizioni di isolamento sociale e solitudine (attivato in questi giorni) che pone Piacenza all’attenzione del panorama italiano per l’originalità del progetto, per un problema che riguarderà sempre più la nostra collettività

OGGI

Oggi l’Associazione svolge le seguenti attività:

- Emergenza territoriale e trasporto infermi a mezzo ambulanze, in convenzione con il 118 di Piacenza

- Trasporto pazienti, organi, sangue, esami, ecc.

- Trasferimenti medicalizzati a mezzo aeroambulanze

- Assistenza sanitaria ad eventi e manifestazioni (quasi tutti i rally che si svolgono in Italia settentrionale sono gestite dall’Associazione)

- Trasporto anziani, pasti e dializzati per conto del Comune di Piacenza

- Trasporto dei bambini Sinti alle scuole materne, elementari e medie per conto del Comune di Piacenza

- Attività di Protezione Civile

- Attività di formazione sanitaria ed educazione alla solidarietà nelle scuole e nei luoghi di lavoro

- Servizi infermieristici nei tre ambulatori (2 a Piacenza e 1 a S. Rocco al Porto) dove si possono effettuare medicazioni, iniezioni, test, vaccini e prelievi del sangue per esami, con riconsegna dei referti

- Servizio infermieristico a domicilio

I numeri attuali dell’Associazione:

Operatività 24 ore su 24

OLTRE 1000 soci  e 300 volontari attivi

20 mezzi speciali di intervento

25.000 interventi effettuati nel 2010

90.000 ore di servizio volontario

Oltre 300.000 km percorsi

Oltre 30.000 prestazioni effettuate negli ambulatori

L’associazione fa parte dell’A.N.P.A.S. (Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze) che con, 850 Associazioni aderenti, 1.000.000 di soci, 100.000 Volontari, 5.000 mezzi di soccorso rappresenta la più grande organizzazione di Volontariato in Italia ed in Europa.